E adesso

1796678_10204063454203432_5100488522736340859_n

Le case erano spente
in quella sera rigata di luna
e tu,
pensando di farne un bel dono,
hai incartato un raggio di sole nella carta da forno
fino a sfinirmi di baci

nelle tue braccia erano morbide cascate di riso
e nella bocca erano lamponi e pesche

ma il sale nascosto nei miei lobi ribelli
non sfugge a un secondo ascolto
– attenzione ai bassi, architrave d’ogni pezzo.

Lascia che il silenzio mi scopra sola
nuda nelle pieghe dell’alba
a pregar lodi su di un rosario intarsiato

Lascia che il silenzio mi scopra ingenua
senza rancore
dimentica del tempo e delle passioni
senza rancore
né paura del freddo

Lascia che il silenzio mi trovi raccolta
in contemplazioni lievi
al tatto e alla vista tiepide di pudore
mie soltanto.

Saprò ricompensarti.

_______________________

Facebook: ritenzione lirica
Instagram: irenemichela

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...