Canzone del fuoco e delle polveri

10342917_10204063692569391_6519351590051205624_n

Briciole oniriche dalla consistenza lieve
in esplosione, quali pigmenti traslucidi:
fuochi d’artificio ridotti al fiorire di rossori
soffocano invisibili sotto al velo della pelle
in questi zigomi morbidi;

e tu sei il sale azzurro negli intervalli delle dita
e il plumbeo mal di stomaco che sfuma all’arancione
incostante tepore di focolare abbandonato.

Io sono la legna, e anche la cenere:
a manciate, vaganti e lievi accenni di nuvola
disperse lungo rotte insanguinate profumate come gigli,
e mucchi di sorrisi passati, a montagnole,
educatamente impilati in attesa di chi sappia che farsene.

Io sono la cenere, sono anche la legna che arde furiosa,
benzina di bile mutata in ambra con un gioco di prestigio,
legna fresca pulsante nei miei sussulti flebili,
legna ardente di futuri caldi
come quel fuoco – anelato, fisso nel mio guardare come un marchio –
io sono legna e brucio, ancora.

Verrà un tempo di tiepidi raccolti
di molli composizioni floreali adagiate nelle mie chiome felici
e saprai di me poiché sarò nella tua cenere
e ogni sole e ogni luna baceranno queste tempie di luce leggera.

1779265_10204063599007052_6959482028321835223_n

Nel camino sono cenere e legna insieme,
e pure la fiamma ribelle, nuda tra i giochi del fato,
sono io,
tremula eppure eretta, dritta a suo modo,
io con i miei passi incespicanti e le mie molte storte,
io impaziente sui miei tacchi senza grazia,
io sono questa fiamma
che saprà bruciare la propria cenere
e ardere di legna nuova.

Non il vento del tuo cuore sordo e incostante,
non il sapore del fiele nascosto nel tuo latte inacidito,
non l’invidia per la tua sorte di cuscini e seni abbondanti a cui attingere al primo gemito;
nulla scalfisca il mio crepitare
vitale, caldo,
come il fuoco sia puro ogni singolo No, ogni minimo accenno del capo.

Verrà un tempo di tiepidi raccolti
di molli composizioni floreali adagiate nelle mie chiome felici
e saprai di me poiché sarò nella tua cenere
e ogni sole e ogni luna baceranno queste tempie di luce leggera.

_______________________

Facebook: ritenzione lirica
Instagram: irenemichela

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...