Quasi a trent’anni

37367100_2119261451658985_1802609838694334464_n

 

Le mie prime rughe
ti sono figlie, madre mia,
formate dalla tua rabbia
nel solco terso dei dubbi,

appena nate e già così
critiche sul mio viso:
rughe austere, scettiche
antenne, a caccia di segni,

del nodo del vero cui non può
sottrarsi
il pettine delle promesse, dei discorsi.
Frugano parole e sguardi,
incontentabili, concentrano i sensi
sul tono, sul vuoto,
sullo spessore degli occhi:
implacabili rabdomanti
attraverso anime e gesti.

Ti rassomigliano i miei difetti,
le mie diffidenze,
nella ricerca di verità ti trovo
prevedibile; ma non per questo
meno amabile, madre della mia sete.

Fiera ti porto per la strada
a cavallo del naso
nell’abbraccio delle sopracciglia:
ancora allevi il mio sguardo,
magie della genetica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...