A Otranto

41922891_2168828820035581_3184081173190017024_n

Potrà mai il mare perdonarci
per aver serrato i nostri porti, chiusi
ai fratelli che chiedevano di sedere
alla mensa, di avere posto anch’essi
alla tavola della vita?

Potrà mai perdonarci il mare
d’averlo reso un assassino
per aver respinto i fratelli
che avevano sete
cui abbiamo negato l’acqua?

Potranno perdonarci i pesci
i coralli le mante le seppie
potranno perdonarci mai d’aver nutrito
le loro bocche con la carne dei fratelli
lasciati in balia della corrente

e il vento d’aver negato l’orecchio
al suo grido di soccorso, d’aiuto?
Potrà mai perdonare la sordida
indifferenza del nostro cuore accecato,
l’eco ignorata del suo SOS
le onde radio zittite dall’ego?

Perdonaci padre, Dio del mare
e del vento e delle onde e del sale
Dio delle seppie e delle mante
Nostro Signore dei coralli e dei pesci:
ecco il nostro silenzio insanguinato,
perdona a noi se ancora ne hai il potere.

_______________________

Facebook: ritenzione lirica
Instagram: irenemichela

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...