Umanità

73121575_2418318438419950_5067080833886584832_o.jpg

 

Nelle pieghe del mio giorno
trattengo, trasmuto
e trasfiguro

il dolore lo rendo lente
la paura nutre il motore
guido nella nebbia dell’ennesimo slot
pianificato, mi tengo in basso
scrutando

riunire sei individui
e negli occhi
cercarne le sostanze
annacquate
dalla mimica dei meeting.

E pure in certi moti spontanei
della pupilla, nel guizzo angolare
d’un sorriso svelto:
t’ho scoperto.
Umano come me
di stesso identico impasto d’elementi
sete azoto calcio fosforo
empatia carbonio
ossigeno tremore

di idrogeno hai pieni i gemiti
anche tu, nei tuoi nervi c’è il sole.
Umano come me
potresti sporgerti, un poco
fuori dal nodo
della cravatta – ricorderesti.
Dell’odore di un fuoco
antico
sul velo increspato del braccio

la notte il buio
dell’essere umano
ricorderesti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...